Christian Dior

28 SET 2012 PARIGI
Con Tim Blanks
Il pezzo Schubert che suonava come invitati entrato nelle enormi, costruito appositamente saloni dove Raf Simons ha mostrato il suo primo ready-to-wear di raccolta per Dior oggi era familiare, soprattutto per i fan di The Hunger , David Bowie del 1983 film di vampiri. Simons è un ardente Bowie-phile, e la scelta molto individuale della musica è stato il primo segno che il progettista stava per imprimere la sua personalità sul massiccio edificio che è Dior. Dove Galliano raggiunto la stessa cosa amping la casa fino a che non corrisponde proprio delirante, romantico, storicismo saturatingly sensuale, Simons ha preso un lungo sguardo fresco al patrimonio e abbiamo trovato il rigore, il rigore, e un diverso tipo di sensualità. La sua colonna sonora ha parlato volumi: Detroit DJ leggenda Carl Craig, che ha preso il posto Schubert dopo lo spettacolo iniziato, offre techno con calore. Un altro dettaglio rivelatore: A gita Couture di luglio, i salotti erano codice colore con Galliano-esque pareti di fiori lussureggianti, oggi, la stessa codifica a colori è stato raggiunto con il minimo, tendaggi diafana. Rococò al Bauhaus, che l’evoluzione parla un altro volume o due. Secondo lo show-note e Raf proprio le parole-chiave per il descrittore di questa nuova era di Dior è “libertà”. Ma la libertà da ogni freno alla fine porta a l’eccesso di auto-distruzione. Quello che abbiamo visto oggi, al contrario, ha suggerito un apprezzamento del potere dei limiti. Quanto più stimolante è la disciplina più libero sfogo. Questo era già chiaro, tra l’altro, nella prova generale che era spettacolo Couture Simons ‘nel mese di luglio. cui risultati sono stati rivisitati qui, a partire dalla sfacciato passaggio fumare Le avviato un procedimento che in entrambi i casi. E ‘stato impossibile ignorare i media-ventaglio fiamme della Raf-Hedi ingaggio che questa settimana ha generato. Simons è riuscito a fare il suo smoking giacca-abito sia una replica alla rivalità YSL e un manifesto per se stesso. Egli de-ripieni di Dior classico silhouette a clessidra Bar, trasformandola in qualcosa di mattina, pomeriggio e sera, da indossare con pantaloni corti, una gonna, o niente. Simons è chiaro che sarà bravo a de-ripieno cosa. Nel suo prêt-à-porter, come nel suo couture, scolpì al largo della grande sotto-la-vita po ‘un abito di gala, lasciando solo l’interesse visivo della sua metà superiore. Pizzo guipure è stato trasformato in un bicolore bustier mini. Doppio fronte era responsabile di una serie spettacolare di forme pop-oh-così semplici ma di grande impatto a colori biforcato. Affermazione più rigorosamente disciplinato della collezione è stato anche uno dei suoi migliori look:. Marina Kinga Rajzak e abito nero in tulle plissé Eppure, Simons ‘vero, profondo affetto per i tropi della couture è una delle qualità che ha dato un vantaggio potente a tutti il suo progetto per gli anni scorsi. Il suo completo gonna-finale-la grave nero di seta-cashmere top maglia, l’erotico, palloncino iridescente di floreale stampato in raso duchesse-distillata storia in un particolare tipo di ventunesimo secolo glamour.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s